giovedì 25 gennaio 2007

Rolling Stone

Il servizio su Le Regine del Terrore che vince il premio per il titolo più geniale: "L'anarchia fatta tutina"!
Lo trovate su Rolling Stone.


(di Franco Capacchione, da Rolling Stone Magazine n° 40, febbraio 2007)

Un libro racconta la vita delle sorelle Giussani. Che inventarono "Diabolik" per sollazzare i pendolari milanesi. E intanto misero a dura prova il sistema

Anarchico per attitudine, ladro di professione, assassino per necessità (mai però con armi da fuoco). Divisa da lavoro: un tutino nero, aderente il giusto, con relativo passamontagna che lascia all'aria occhi da svenire. Bondage all'a­vanguardia. Nome degno di tanto identikit: Diabolik. A inventare un'icona del fumetto nostrano due fantastiche sorelle, Angela e Luciana Giussani, di cui ora esce per la BD una divertente biogra­fia che ne racconta trionfi e diffi­coltà. Angela nasce a Milano nel 1922, Luciana la segue in questo mondo nel 1928. La prima sposa Gino Sansoni, editore amante degli scandali. Angela collabora col marito, fa la modella (erano tutte e due molto belle), prende il brevetto di volo, fuma accanita (come la sorella) e osserva. L'ufficio da su piazza Cadorna, Milano, indirizzo delle Ferrovie Nord. Dalle finestre, Angela guarda i pen­dolari che vanno e vengono dalla stazione, li immagina in viaggio, annoiati. Per loro ci vuole qual­cosa di veloce da leggere, in un for­mato pratico da tenere in mano, con storie avvincenti. Un roman­zo richiede tempi lunghi di lettu-ra, il fumetto sembra la soluzione giusta. L’Astoria, la casa editrice di famiglia, aveva già sperimenta­to questa forma di racconto, senza molto successo, per la verità. Ma forse è il caso di riprovarci. Definito il pubblico a cui rivolgersi, fissati a grandi linee linguag­gio e formato (quest'ultimo inventato dalle Giussani, va detto e sottolineato), manca solo il personaggio. Angela trova ispirazione in Fantomas, cri­minale spietato, protagonista, a partire dal 1911, di decine di romanzi. Siamo nel 1962, il fumetto nazionale è abitato solo da supererei con animo imma­colato, meglio se in contesto western: uno per tutti, Tex Willer. Lei no, lo vuole bello e disgraziato. Nel novembre 1962 esce il primo numero, si chiama II Re del Terrore e l'occhiello chiarisce l'intento: II fumetto del brivido. Inizi tiepidi, non un successo immediato. Ci vorrà un annetto per ingranare la marcia, perché Diabolik, la sua amante Eva Kant e l'ispettore di polizia Ginko si trasformino in icone. Intanto le sorel­le creano una Factory con sempre nuovi collaboratori che portano inediti spunti criminali alle loro storie. E fumano. Si rivolgono a medici che le aiutino a essere pre­cise nella descrizione di morti e ammazzamenti. E fumano. Ma non sono solo rose e sigarette: si bec­cano pure numerose denunce per stampa oscena, ogni volta con assoluzione. Ma le due vanno avanti impavide, per nulla distratte: nel 1974, per il referendum abrogativo della legge sul divorzio, stam­pano su Diabolik una scheda con un bel segno chiaro sul no. Angela muore nell'87, Luciana porta avan­ti alla grande l'azienda e se ne va nel 2001. Diabolik continua a ruba­re perché a questa società interessano solo i soldi, le sicurezze, tanto vale agitare acque, creare incertezza nella buona borghesia. Una volta, in un'avventura di molti anni fa, le Giussani lo mandarono in un posto molto simile alla Cina di Mao: l'atmosfera lo spiazzò. Si sentì inutile, niente da rubare, certo. Oggi chissà.

3 commenti:

etarancia ha detto...

OKKAZZO "L'ANARCHIA FATTA TUTINA" E' UN TITOLO GENIALE!!!
[Ed è geniale anche la copertina di 'sto Rolling Stones, che si riguadagna svariati punti finalmente!]

Davide Barzi ha detto...

Non solo, ma nella pagina c'è anche un box ulteriore con in dati del libro, e il titolo non è meno bello: SCISSOR SISTERS!

etarancia ha detto...

WO-HHO!, decisamente pregevole.