sabato 7 aprile 2007

Ri-faccia

Anche Alessio Spataro, nel farmi una dedica su un suo libro (a cui faccio volentieri pubblicità lasciando il titolo in bella vista), si è fatto prendere da questa mania dilagante.
Il Barzi novello Lombroso, che misura il cranio del portatore nano di democrazia (niente applausi, la definizione è di Beppe Grillo), ha un motivo ben preciso, che però scoprirete solo tra circa un mese, credo in occasione di Torino Comics.
La più invidiabile e inarrivabile collezione di ritratti, anzi per la precisione di autoritratti, realizzati negli stili più diversi da una stessa mano, è però quella di Federico Bertolucci.
Chapeau.

2 commenti:

etarancia ha detto...

A Cremona quale tua gigantografia incontrerò?

Ho visto gli autoritratti di Federico Bertolucci: validi!

P.S. Attenzione Mr. Neolombroso. Sono una criminale. [Ovvero: secondo le teorie di Lombroso io sarei una di cui non fidarsi affatto. E in fondo avrei sempre voluto essere kattiva!]

mylla ha detto...

Fantastica! Fan-ta-sti-ca! Invidia, indisissima!