venerdì 14 settembre 2007

Uno su mille ce la fa (beati gli altri 999)

A volte ritornano. Non potevano sfuggire a questa regola i Led Zeppelin. Pare però che ci siano venti milioni di richieste per ventimila biglietti.
Niente panico, direi.
Non so se Jimmy Page negli anni ha mantenuto il suo tocco.
Quel che vi posso dire, a meno che non gli abbiano installato un microchip nell'ugola, è che Robert Plant ha smesso da tempo di essere Robert Plant.
Era il 12 giugno del 1993 e già faceva la spalla di Lenny Kravitz.
Gran concerto davvero: carisma, magnetismo, voce usata come solo un consumato professionista sa fare.
Questo per quanto riguarda Kravitz.
Poi c'era anche Plant.
Che poi è lo stesso concetto che passa dal biglietto d'ingresso (pregasi notare la diversa grandezza dei caratteri per i due nomi):Sulla note alte, l'ex leader dei Led Zeppelin era imbarazzante.
Quindi, chi pensa di perdersi un evento, almeno è avvisato.

Se proprio volete vedere un mito rimesso in discussione, allora meglio come lo faceva Frank Zappa (sempre sia lodato), con iconoclasta consapevolezza (live in Cleveland, 3 maggio 1988):


(se non ne avete ancora abbastanza, vi ricordo anche la travolgente versione acustica di Rodrigo y Gabriela)

7 commenti:

Etarancia ha detto...

Caro Davide, è l'ennesima volta che vuoi rischiare di essere strangolato dalla sottoscritta: non si tocca Robert. Ti risparmio solo perchè ci hai poi omaggiato del sacro Frank. E perchè forse, tanto, non ti risparmierà Mio Cuggino (apprezza 'sta cosa, caro Davide, oh tu che ami Mr. Elio...), l'uomo che mi ha indicato La Via Del Rock. Eh sì. Hahahaha. L'ho invitato qui! :-P
...Lo sai che quando vuoi so essere un incubo: dlan dlan dlan, Davide, ricordi le mie chiavi al Centro Fumetto? WAHAHHAHAHAHA!!!

Carmine ha detto...

... Ed ecco il cugino che si materializza.
Caro Davide, potresti anche avere ragione.
Robert Plant non canta più come un tempo.
Le note alte non le tocca più come un tempo.
Non è più magro come un tempo.
I suoi capelli non svolazzano più come un tempo.
I musicisti che suonano con lui non sono all'altezza di quelli con cui suonava un tempo.
Un tempo, un tempo, un tempo.
Il fatto è.
Chi se ne frega.
Robert Plant non si discute, si ama.
La sua voce non la si ascolta, la si vive.
Non esiste la pagella dell'Amore.
Non esiste la pagella della Vibrazione.
Non esiste la pagella della Leggenda.
Per come la vedo io.

Rock'n'roll!

smoky man ha detto...

io sarei tra quei 20milioni.
accc... i led zeppelin di nuovo insieme (con l'anima di Bonham che aleggerà alla batteria ;)) ma ti rendi conto???

s'organizza una mission impossible collettiva???

smok!

Etarancia ha detto...

Davide, non rispondi?! >:-( Niente, non farò più scomodare per il tuo blog dei pezzi della mia vita! Pfff... probabilmente sei solo invidioso della chioma di mio cuggino! :-P


[E non venirmi a far notare, caro sceneggiatore, che questa cosa è impossibile perchè la sciava di Carmine non la conosci...]

Cuggino, grazie di esserti sublimamente materializzato. :-)

Etarancia ha detto...

Ah, smok, ma ti stai davvero mobilitando tu?? 8-)

smoky man ha detto...

uhmmm... credo ci fosse un sito a cui iscriversi, hanno raggiunto 1milione di richieste in 3 giorni per 20mila posti. I biglietti verranno sorteggiati! Io non ho fatto neppure in tempo ad accedere al sito :(

Dazed and confused smok!

Etarancia ha detto...

Ok, fine della mia indecisione. Smerda.